fbpx
Centro Clinico Chimico

Laboratorio Analisi, Diagnostica per immagini e Poliambulatorio

SI COMUNICA CHE DA LUNEDI’ 11 GENNAIO SI ESEGUONO TAMPONI:

  • RAPIDI ANTIGENICI (35,00 EURO)
  • MOLECOLARI (75,00 EURO)
  • RICERCA DEGLI ANTICORPI IGG – IGM (40,00 EURO) ORARIO PRELIEVO

PER LA RICERCA DEL SARS-COV-2 (covid 19)

E POSSIBILE PRENOTARE CHIAMANDO LA STRUTTURA O SULLA SEZIONE “PRENOTAZIONI” DEL SITO

 

SI INFORMA DI PRESENTARSI NON OLTRE 15 MINUTI PRIMA DELL’ORARIO DELL’APPUNTAMENTO, MUNITI DI MASCHERINA, NON SARA’ CONSENTITO L’ACCESSO ALLA STRUTTURA ALLE PERSONE CON TEMPERATURA CORPOREA SUPERIORE A 37,5 E IN  PRESENZA DI SINTOMI INFLUENZALI.

GLI ESAMI DI LABORATORIO IN PRIVATO SONO PRENOTABILI ANCHE ONLINE

PER GLI ESAMI IN CONVENZIONE TELEFONARE e/o MANDARE UNA MAIL

Vitamina D

Vitamina D: combatte le allergie dei bambini e non solo

Stili di vita

31 Luglio 2019


La vitamina D sembra essere un vero e proprio amuleto a favore dei bambini per le malattie allergiche. Fino ad oggi la si riteneva importante per il suo ruolo nella prevenzione di malattie ossee in età adulta, come il rachitismo e l’osteoporosi; ma studi recenti dimostrano che essa gioca un ruolo centrale anche nella prevenzione di malattie allergiche – che ad oggi coinvolgono circa il 25% dei bambini –, ma anche in alcune patologie cardiovascolari e autoimmuni, come il diabete mellito 1, l’artrite reumatoide, la sclerosi multipla o il Morbo di Chron.
Nei bambini soggetti ad attacchi d’asma, l’integrazione della vitamina D riduce la frequenza degli episodi e favorisce il controllo della patologia, ovviamente affiancando ad essa i farmaci di base antiinfiammatori specifici. In età pediatrica la vitamina Dfavorisce la crescita e il benessere osseo, ma ha anche un ruolo centrale nel regolare le funzioni del sistema immunitario.

Quando e come assumere la vitamina D?

Ogni persona assorbe il 10% della vitamina D con la normale dieta alimentare, soprattutto mediante l’olio di pesce e l’olio di fegato di merluzzo; il 90% lo riceve, invece, mediante l’esposizione alla luce del Sole. Per questo motivo l’insufficienza in alcune fasce della popolazione pediatrica è dovuta alla latitudine in cui si vive, al tempo trascorso in casa e all’assenza di gioco all’aperto; anche condizioni patologiche come l’obesità incidono su questa carenza. Altro fattore importante è il colore della pelle: le persone di pelle scura necessitano di una maggiore esposizione solare. Un’indagine nazionale sostiene che in Italia la carenza di vitamina D riguarda 1 bimbo su 2.
Le società scientifiche (Consensus Sip-Sipps) raccomandano, dunque, la supplementazione di vitamina D in tutti i bambini nel primo anno di vita, qualunque sia il tipo di allattamento. A mano a mano che crescono è bene portarli all’aperto per delle passeggiate e per i giochi, non solo d’estate ma anche nelle stagioni più fredde.

Fonte: repubblica.it