Centro Clinico Chimico

Laboratorio Analisi, Diagnostica per immagini e Poliambulatorio

SI INFORMA DI PRESENTARSI NON OLTRE 15 MINUTI PRIMA DELL’ORARIO DELL’APPUNTAMENTO, MUNITI DI MASCHERINA, NON SARA’ CONSENTITO L’ACCESSO ALLA STRUTTURA ALLE PERSONE CON TEMPERATURA CORPOREA SUPERIORE A 37,5 E IN  PRESENZA DI SINTOMI INFLUENZALI.

ESAMI DI LABORATORIO IN PRIVATO PRENOTABILI ANCHE ONLINE

IN CONVENZIONE TELEFONARE e/o MANDARE UNA MAIL

Dieta equilibrata e aria aperta per contrastare la diffusa carenza di Vitamina D

Stili di vita

1 Agosto 2017


Un’analisi della SIOMMS, Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro ha evidenziato che in Italia esiste una diffusa carenza di vitamina D, che interessa quasi l’80% della popolazione. Le categorie più colpite sono le donne in menopausa e gli anziani, ma spesso anche i giovani, in particolare durante la stagione invernale.

Tutti gli studi confermano che gran parte della popolazione italiana è affetta da Ipovitaminosi D”, spiega il Presidente della SIOMMMS Giancarlo Isaia.

La Vitamina D è importante perché favorisce l’assorbimento di calcio a livello intestinale e renale, promuovendone la mineralizzazione in cristalli a livello osseo e, oltre a combattere rachitismo e osteoporosi, ci protegge dai rischi di frattura.

La diffusa carenza è un dato inaspettato per un paese come l’Italia, in cui le giornate di sole abbondano. Per garantirne il fabbisogno sono sufficienti infatti una dieta equilibrata e 20 minuti al giorno trascorsi all’aria aperta, con avambracci e gambe scoperti.
Inoltre la Vitamina D è una molecola liposolubile: durante l’estate il colecalciferolo si può accumulare nel pannicolo adiposo e funzionare da serbatoio per i mesi invernali.

Per combattere la diffusa carenza di Vitamina D è quindi necessario agire sullo stile di vita, sensibilizzando le persone in merito all’importanza di un’adeguata e quotidiana attività fisica all’aria aperta associata ad una dieta equilibrata, che comprenda il consumo frequente di pesci grassi come il salmone o lo sgombro, di uova e di latticini.

Fonte: http://www.siommms.it