fbpx
Centro Clinico Chimico

Laboratorio Analisi, Diagnostica per immagini e Poliambulatorio

SI INFORMA DI PRESENTARSI NON OLTRE 15 MINUTI PRIMA DELL’ORARIO DELL’APPUNTAMENTO, MUNITI DI MASCHERINA, NON SARA’ CONSENTITO L’ACCESSO ALLA STRUTTURA ALLE PERSONE CON TEMPERATURA CORPOREA SUPERIORE A 37,5 E IN  PRESENZA DI SINTOMI INFLUENZALI.

GLI ESAMI DI LABORATORIO IN PRIVATO SONO PRENOTABILI ANCHE ONLINE

PER GLI ESAMI IN CONVENZIONE TELEFONARE e/o MANDARE UNA MAIL

Patologie cardiache: come affrontare la fine dell’estate

Stili di vita

19 Agosto 2020


L’estate e le vacanze devono essere un momento di riposo e stacco dalla routine quotidiana anche per chi soffre di patologie cardiache o per chi ha avuto un episodio cardiovascolare acuto (infarto, ictus). Ma a maggior ragione quest’anno, in un periodo post emergenza Covid-19, è fondamentale avere alcune accortezze utili a far rientrare la gestione della patologia cardiaca dopo l’interruzione causata dal lock-down.

Spesso chi ha subìto un infarto, superata la fase acuta, abbassa il livello di guardia. Un atteggiamento favorito dall’emergenza cha abbiamo vissuto; per questo pensando alle ferie, è importante seguire poche regole a tutela della salute del cuore dei pazienti.

Ecco qualche consiglio utile per vivere il momento di vacanza sereni:

  • Prima di partire fare una visita di controllo dei parametri e delle terapie. Tutti gli indicatori del rischio cardiovascolare vanno verificati per capire se la terapia prescritta necessita, da parte dello specialista, di aggiustamenti per affrontare il periodo di vacanza. Attenzione particolare per l’ipercolesterolemia, il trattamento dell’ipertensione, la terapia antiaggregante e il controllo del diabete.
  • Terapie sempre con sé. Anche se in Italia non abbiamo problemi di reperibilità dei farmaci è meglio partire con la copertura terapeutica necessaria. Una settimana, quindici giorni o un mese di vacanza non cambia: i pazienti devono portare con sé i farmaci necessari a coprire l’intero periodo di ferie e seguirla sempre. 
  • Cartella clinica. La tecnologia ci viene in aiuto per permettere ai pazienti di consultare la propria anamnesi ovunque, utile soprattutto se il paziente ha necessità di ricorrere a un medico in vacanza. Attraverso apposite App è possibile salvare sul proprio smartphone o dispositivo digitale la storia e i dati clinici strumentali del paziente.
  • Conoscere i presidi ospedalieri dei luoghi di villeggiatura. Qualsiasi sia la destinazione per un paziente in prevenzione secondaria è importante sapere se ci sono strutture sanitarie con Pronto Soccorso raggiungibili facilmente in caso di sintomatologie sospette. 
  • Mare, collina e montagna. È sempre bene confrontarsi con lo specialista per capire se ci sono controindicazioni rispetto alle destinazioni scelte, soprattutto se l’evento acuto è recente. Non tutte le località sono uguali per clima, altitudine e temperature. 
  • Aereo, auto, treno. Nemmeno il mezzo di trasporto va sottovalutato: il paziente che ha avuto un infarto da pochi mesi è bene si confronti con lo specialista per essere rassicurato su come può effettuare gli spostamenti. L’aereo, anche se potrebbe sembrare il mezzo da valutare con maggiore attenzione, ha cabine pressurizzate per assicurare una adeguata concentrazione di ossigeno; al contrario il viaggio in auto, soprattutto se è il paziente a guidare, potrebbe essere molto più stressante dell’aereo.
  • Favorire una vita attiva. Dopo settimane in cui si è stati costretti a restare fermi, è bene sfruttare la fine dell’estate per riprendere un’attività fisica costante. Brevi passeggiate nelle ore meno calde e lontane dai pasti aiutano ad esempio a tenere sotto controllo la pressione arteriosa. Anche l’attività sportiva deve essere sempre autorizzata dallo specialista.
  • Alimentazione e idratazione. È sempre il momento giusto per migliorare il colesterolo e per questo la dieta mediterranea rimane un’alleata preziosa: sì a frutta e verdura che la stagione offre in grande quantità e varietà, ma anche pesce, limitando le uova, la carne, i condimenti troppo grassi e l’eccessivo uso di bevande alcoliche.
  • Dormire bene e il numero giusto di ore. Non sempre vacanza è sinonimo di riposo sereno, a volte si fa fatica ad ambientarsi nei luoghi di villeggiatura. Ma il cattivo sonno, si sa, altera i parametri emodinamici (frequenza cardiaca e pressione arteriosa) con conseguenze negative soprattutto per chi ha già avuto un evento cardiovascolare acuto. La raccomandazione è di cercare di mantenere orari costanti e favorire il sonno con passeggiate serali o ricorrendo a tisane rilassanti.
  • Mascherina sì e no. Chi ha avuto un infarto è un paziente definito a rischio per il Covid-19, per cui a maggior ragione è meglio indossare sempre la mascherina non solo nei luoghi affollati ma anche quando c’è il rischio di non riuscire a mantenere il distanziamento interpersonale. Disinfettarsi le mani inoltre rimane una difesa importante da continuare a mantenere come buona abitudine.

Fonte: corriere.it